lunedì 10 luglio 2017

Intervista di Eiichiro Oda al ONE PIECE Magazine

lunedì 10 luglio 2017
Salve ragazzi! :D
Oggi vi portiamo una sfiziosa intervista rilasciata dal nostro caro Odacchi al ONE PIECE Magazine.
Si tratta, come saprete, di una rivista speciale che conterrà approfondimenti sul manga (tra cui un racconto inedito su Ace, non scritto però da Oda) e varie informazioni interessanti, tra cui questa lunga intervista.
Vi proponiamo di seguito un riassunto con le parole più interessanti del Sensei.

- A Oda piace parlare con gli assistenti giovani, perché sono aggiornati sulle ultime mode.
- Oda adora film e documentari. Analizza perché ciascun film piaccia alla gente. A Oda piace guardare sia film nuovi che vecchi, tuttavia di solito si concentra su pellicole più recenti, nonostante non abbia molto tempo libero, così da poter conoscere i trend del momento.
- Oda non sa molto sui giochi recenti. Dice ai suoi assistenti di spendere i soldi del suo studio per comprare giochi nuovi.
- Oda preferisce ricercare informazioni piuttosto che dormire. Dice che vorrebbe diventare un robot per non avere bisogno di dormire.
- Oda si prende cura del suo collo e della sua schiena tramite un chiropratico.
- Oda è sicuro che non morirà per eccesso di lavoro, perché non si sente affatto stressato quando disegna manga. Dice di sentirsi esausto quando ci sono molti lavori extra manga.
- Oda non ha mai avuto calli causati dal troppo disegno.
- Oda dice ai suoi editor che si prenderebbe cura della loro famiglia se l’editor si dovesse ammalare o ferire per il troppo lavoro.
Oda ritiene che un manga è fondamentalmente inutile se non riesce ad essere di aiuto per le persone che soffrono a causa di grandi disastri. Oda incoraggia spesso le vittime dei terremoti tramite i suoi disegni, tuttavia sente che potrebbe essere un gesto insignificante per delle vittime affamate. I manga non producono cibo, case o vestiti.
- Oda alle volte evita di disegnare dettagli irrilevanti (tipo Pandaman), perché di questi tempi la sua vista sta peggiorando.
- Oda ha bisogno di consultare i suoi appunti sui dettagli nel mondo di ONE PIECE.
- Alla domanda se teme di arrivare un giorno ad esaurire le idee riguardo ONE PIECE, Oda risponde di no, dicendosi certo di poter produrre sempre nuove idee in prossimità della consegna dei capitoli. Oda apprezza le scadenze, poiché non crede sarebbe in grado di disegnare un manga interessante se avesse troppo tempo a disposizione.
- Molte persone sono coinvolte nell'industria di ONE PIECE, ma Oda non si sente sotto pressione per questo motivo. Ritiene che la sua unica responsabilità sia quella legata al manga, nonostante sia ormai diventato grande amico dello staff dell'anime. Oda è anche convinto del fatto che l'eventuale fine anticipata del manga per suoi problemi di salute non avrebbe gravi conseguenze.
- Quando Oda era un ventenne, era così concentrato sul suo lavoro da pensare di dover continuare a disegnare anche durante il funerale dei suoi genitori nel caso fossero morti. Adesso la ritiene un'idea assurda, tuttavia crede che ONE PIECE sia diventato il manga che è oggi grazie a questa grande dedizione al suo lavoro degli anni passati.
- Oda vuole divertire gli altri, fin da quando era piccolo; vederli divertirsi lo rende felice.
- Adesso che ONE PIECE è diventato il fumetto con più volumi venduti al mondo, Oda si chiede quale potrà essere il suo prossimo obiettivo. Afferma anche di aver già avuto esperienze simili a quelle vissute da grandi mangaka del passato. Ora ha bisogno di un nuovo grande obiettivo a cui puntare.
- Oda supporta sempre i suoi assistenti, sperando che i loro manga possano divenire popolari.
- ONE PIECE adesso ha molti più personaggi che in passato. Per mandare avanti la storia, Oda è costretto ad inserire tantissime informazioni in un solo capitolo. Per disegnare grandi combattimenti ritiene di aver bisogno di almeno due capitoli di fila completamente dedicati ad uno scontro, tuttavia al momento crede che ONE PIECE non possa permettersi più di un capitolo dedicato ad un combattimento.

- Oda è felice che Shueisha gli permetta di fare più pause di questi tempi. Visita un paese straniero (Singapore, Hawaii, Guam, ecc) almeno una volta l’anno.
- Oda vuole fare un viaggio intorno al mondo una volta concluso ONE PIECE. Dice che vorrebbe visitare i paesi dell’Asia, come l’India. Inoltre, vorrebbe prendersi una pausa durante la serializzazione per visitare i patrimoni dell’umanità che richiedono un certo sforzo fisico. Vorrebbe visitare vari paesi prima dei 50 anni.
- Ciò che Oda desidera di più al momento è la Floating Seahorse (una villa con stanze sott’acqua, ndt) a Dubai, perché si possono vedere i pesci fuori dalla finestra.
- Oda ha una grande passione per il mare e la neve fin da piccolo, perché viveva nelle zone montuose a sud del Giappone.

- Alla domanda su quale posto vorrebbe visitare di più, Oda ride e dice dove non vorrebbe mai andare: lo spazio, è troppo pericoloso!
- Oda sarebbe interessato a fare immersioni, visto che a sua moglie piacciono molto, tuttavia ha paura degli squali.



Si ringrazia sandman per la traduzione inglese e YonkouProductions per la scan della rivista.

0 Commenti Pirateschi: